San Valentino alle porte! Una dritta al giorno per fare il tutto esaurito

viverediturismo_danilo_beltrante

Che tu sia single o in coppia, un inguaribile romantico o uno scettico incallito, San Valentino 2016 è in arrivo anche per la tua struttura. Nessun momento migliore per mettere da parte cuori e cioccolatini, e parlare di business.

Visto che ogni notte non prenotata è un’occasione persa, puoi trarre vantaggio dalla festa degli innamorati. Sei ancora in tempo per riuscire a fare il tutto esaurito, basta trovare delle soluzioni originali per promuoverti.

Può venire in aiuto un po’ di programmazione. Un calendario settimanale con le azioni da portare avanti per aumentare le prenotazioni giorno per giorno, perché non è ancora troppo tardi.

Giorno 1 – Fai squadra con aziende locali

Già da domani inizia a cercare se ci sono eventi nella tua zona a cui puoi partecipare dando il tuo contributo. Pensa a chi altro sta cercando di attirare clienti con offerte dedicate al San Valentino, compatibili con una o due notti di soggiorno. Metà sforzi, doppio successo!

Infatti, quando si è troppo piccoli per potersi dedicare ad un imponente sforzo promozionale vale il vecchio detto “l’unione fa la forza” per creare sinergie con aziende del luogo che hanno il comune interesse di attrarre nuovi clienti.

Esempio:

Contatta un fotografo freelance, una piccola associazione teatrale, un ristorante di sushi, un esperto di alimentazione, una guida locale, un personal shopper, un trainer di Tantra, per organizzare insieme la promozione di un pacchetto davvero unico di servizi aggiuntivi.

L’Hotel Mosaico a Ravenna, per esempio, offre 2 “passeggiate del gusto” tematiche, in collaborazione con piccole aziende locali, oltre ad un “weekend in bicicletta” ed uno “con Dante”.

Tu fornisci lo spazio e attrai più prenotazioni, l’altro ha l’opportunità di offrire il suo servizio ad un bacino di clienti più ampio e più propenso a spendere.

Giorno 2 – Passa al contatto personale

È questo il momento giusto per mettere le mani sul tuo database di clienti affezionati e dare il via a sconti personalizzati per le coppie.

Usa il telefono o l’e-mail, che sono strumenti immediati e personalizzabili, ricordando che hai un’offerta pensata appositamente per i tuoi clienti migliori a cui dedichi un San Valentino speciale.

Un trucco molto usato è quello di creare un senso di urgenza o di selezione, ad esempio dando uno sconto a chi prenota in giornata o a chi porta un’altra coppia di amici al seguito.

Per creare le tue e-mail ti consigliamo di usare Canva o Piktochart, strumenti gratuiti e facilissimi da usare che fanno davvero la differenza nella grafica dei contenuti. Perché anche l’occhio vuole la sua parte, eccome!

Esempio:

“Nel nostro agriturismo condividiamo la tua passione” è un fresco gioco di parole che puoi usare per fare riferimento da un lato alla passione d’amore di San Valentino, dall’altro alle tante caratteristiche che rendono il tuo agriturismo il luogo perfetto proprio per quella persona.

Si crea così un filo che lega il cliente e le sue passioni all’esperienza nella tua struttura e al tipo di vacanza che offri.

san-valentino-2

Giorno 3 – Vesti il tuo sito web a festa

Questo giorno il tuo obiettivo sarà ultimare i ritocchi al sito web o al tuo profilo sui portali on-line di booking.

È un’operazione fondamentale perché siamo all’ultimo weekend prima della festa degli innamorati ed i ritardatari lo sfrutteranno per cercare offerte on-line e prenotare. Devi fare colpo con una descrizione ad hoc.

Esempio:

Fai capire ai tuoi clienti che pensi proprio a tutto, inserendo nel tuo sito web una sezione dedicata al San Valentino in cui ipotizzi tre possibili occasioni di festa. “Viaggia col cuore: tu che San Valentino sei? Chic, novità, non-Valentino”.

A ciascuna corrisponderà una delle soluzioni vacanza che tu offri, che sia una stanza romantica con colazione in camera, un serata cinema e cena gourmet inclusa, oppure un servizio minimale all’insegna del relax fuori città per chi non ama i festeggiamenti.

Giorno 4 – Social a gogò

Per San Valentino i Social sono una vera manna dal cielo. Tutti, ma proprio tutti, condividono e cercano informazioni, foto e video sull’argomento. Fanne quindi i tuoi migliori alleati.

Ci vuole un po’ di ispirazione però per scrivere contenuti validi, che siano davvero utili a chi legge. Prima di farti travolgere dalle attività quotidiane di gestione, prenditi un po’ di tempo per fare mente locale e decidere cosa vuoi comunicare. Non è facile, ma il gioco vale la candela: se tutti parlano di San Valentino sui Social, non esserci è un vero peccato.

Esempio:

Puoi puntare sull’umorismo, condividendo una lista delle caratteristiche che una vacanza non deve avere per evitare che il San Valentino sia un flop. Ovviamente, spiega che soggiornando da te questo non succede!

Oppure crea un album fotografico ispirato alle coppie del posto e agli itinerari romantici nella zona, per raccontare la destinazione in modo così personale da attirare anche i meno curiosi.

Infine, pianifica un gioco Social per chi prenoterà: una volta sul posto dovranno condividere una foto della tua struttura ispirata all’amore, per ricevere un premio speciale.

Giorno 5 – Prenditi il tuo spazio

Quando il gran giorno è quasi alle porte puoi cambiare la realtà intorno a te con azioni fisiche che generino stupore, interesse, e facciano parlare. Poco importa se non saranno i turisti a scegliere di trascorrere una notte da te, le tue stanze a San Valentino ci piacciono di più occupate da coppie del luogo, piuttosto che vuote.

Esempio:

Un hotel di Copenhagen ha fatto le cose in grande. Per promuovere la propria piscina ha deciso di… stamparla per terra! Un’ottima idea che puoi riprendere con dei cuori che portano dritti alla tua porta. Informati bene però su cosa è permesso fare nella tua città.

hotel-copenhagen

Giorno 6 – Rinomina le camere

Se hai più di una stanza nella tua struttura e non hai pensato a particolari appellativi per nominarle, è il momento per dare sfogo alla fantasia.

Quando i tuoi ospiti arriveranno in struttura avranno la possibilità di scegliere in che camera soggiornare.

Sta a te sbizzarrirti nel creare un’atmosfera particolare per ogni ambiente ed una storia credibile dietro ciascun nome, che non deve essere per forza legato all’argomento Amore.

Esempio:

Nel B&B Dimora Monsignore ogni camera “offre colori ed un’ambientazione differente che interpreta perfettamente lo scenario delle parti della città a cui è dedicata”. Quella che più ci piace si chiama “Castello” ed è ispirata al Castello Svevo che si ammira dalla finestra. Gli arredi della stanza e del bagno sono descritti minuziosamente, dandoci quasi l’impressione di essere già lì a godere del comfort e dell’eleganza dell’ambiente.

Buona fonte di ispirazione, che puoi riproporre con nomi in chiave San Valentino: “Pausa romantica”, “Tramonto in collina”, “Rifugio di relax”.

Giorno 7 – Via alle decorazioni

Questo è forse il giorno più faticoso di tutti, perché devi iniziare a creare l’atmosfera adatta. Di idee e spunti se ne trovano a bizzeffe.

La cosa veramente fondamentale per farlo con successo è rispettare lo stile della tua struttura. Che tipo di clienti ospita? È in città o immersa nella natura? Quale emozione vuole comunicare all’arrivo? Insomma, che sia un appartamento turistico moderno o un agriturismo rustico, San Valentino non è necessariamente petali sparsi sul letto!

Esempio:

Se non hai un clientela particolarmente classica o business, solitamente chi prenota una struttura extra-alberghiera si aspetta un’atmosfera più calda e personale rispetto a quella di un grande albergo.

Puoi pensare a cuscini e coperte, fiori freschi, un set per una colazione in terrazza, prosecco o champagne, un kit particolare per il bagno, un cestino con asciugamani caldi, sali da bagno colorati, cibi con colori e forme a tema, piccoli ornamenti che richiamino i colori delle stanze e degli ambienti in modo sobrio, ma festoso.

san-valentino-3

14 Febbraio – Riposo attivo

Meriti una pausa… ma non troppo! È il momento di ricontrollare che sia tutto perfetto. In particolare, guardati indietro per pensare già al futuro. Sei motivato e soddisfatto del lavoro svolto?

Affrontare l’arrivo degli ospiti con lo spirito giusto è forse la caratteristica che più di tutte ti distinguerà dalla concorrenza. Che le camere siano piene o no, è cruciale fornire comunque il miglior servizio possibile per assicurarsi che i clienti tornino anche il prossimo anno e parlino bene di te.

Esempio:

Raduna intorno a te tutti coloro che ti hanno aiutato, dallo staff, ai familiari, alle piccole aziende locali con cui hai collaborato. Chiedi un feedback su questi 10 giorni di preparativi, su cosa potete cambiare il prossimo anno e soprattutto complimentati per l’apporto che hanno fornito. Una squadra felice e coesa fa la differenza!

 

Insomma, che sia investendo un po’ di tempo nel contattare i clienti, collaborando con un’azienda locale, o anche facendo uno sconto sul prezzo, l’obiettivo da qui al giorno di San Valentino è quello di non avere l’appartamento sfitto o camere libere. Tu a che punto sei, hai già messo in atto alcune di queste tattiche scaldacuore?