Il Blog di Vivere di Turismo
arredare-esterni

05 mag L’abito fa il monaco. Idee per gli spazi esterni

Come si gestisce lo spazio esterno, il giardino, la terrazza della tua struttura? Cosa serve agli ospiti e come puoi risparmiare al massimo sull’arredamento? Scopriamolo.

Guardando fuori dalla finestra mi sono accorta che ormai la bella stagione è alle porte. Temperature gradevoli, si può pranzare all’aperto, abbiamo dimenticato maglioni e thè caldi.

Il momento giusto per tirare fuori le sdraio e il gazebo e dare una risistemata agli ambienti esterni della tua struttura. Che sia una terrazza, un patio, un giardino o addirittura un terreno, vediamo come organizzare al meglio gli spazi per il comfort dei tuoi ospiti.

Dalle mie parti si dice “sparagna e cumparisci”. È l’arte di spendere poco ma fare comunque un figurone. E allora… che gli ospiti si rilassino sotto il sole, senza pesare sulle tue tasche!

Piantala!

Uno spazio esterno non è completo senza un po’ di verde. E la scelta delle specie da piantare può essere molto strategica.

Ecco le piante che danno la migliore resa ma che costano poco – sia in termini economici che di cure.

  • Rampicanti: una soluzione di design per far sentire i tuoi ospiti in un angolo di Eden. Guarda che bello (e facile!) questo arco per decorare l’ingresso.

arco

  • Gerani: colorano, crescono praticamente da soli, e soprattutto… scacciano le zanzare!
  • Cactus: chi l’ha detto che vanno bene solo per chi non ha il pollice verde? Puoi renderli il fiore all’occhiello del tuo giardino dedicando un angolo a tanti piccoli vasetti o scegliendo esemplari grandi e monumentali per attirare l’attenzione su alcune aree del giardino.
  • Erbe aromatiche: timo, rosmarino, salvia. Le puoi piantare vicino all’angolo barbeque o vicino al tavolo del pranzo. Pronte all’uso.
  • Bouganville: un’altra pianta iconica, che fa subito vacanza. È un po’ come la mimosa, quando è in fiore è impossibile non guardarla!
  • Ibiscus: sono una pianta facile, che cresce molto e dà fiori grandi.
  • Frutta: pensa alle piante da frutto. A seconda del terreno e del clima le fragole potrebbero attecchire. Oppure i limoni, che danno tanto colore!

Fatti furbo: arreda con poco

Come dice il titolo, l’abito fa il monaco. E lo stile che scegli per i mobili e gli oggetti che i tuoi ospiti troveranno in giardino fa metà dell’opera.

Vale per tutta la struttura ovviamente – ci siamo precedentemente sfidati a arredare il bagno con 150 €.

Lo spazio relax deve essere degno di questo nome. Innanzitutto devi ripararlo dal sole e dal vento con drappeggi, pergolati rigogliosi, tende. Poi ricordati che sono sempre apprezzati vari tipi di sedie, poltrone, lettini, divani. Più l’atmosfera è confortevole e meglio è.

arredare-con-poco

Di idee per come dargli personalità ce ne sono moltissime, basta che scegli uno stile coerente con l’interno della tua struttura e in linea con i gusti della tua clientela.

Cosa vuole la tua clientela? Chiediglielo direttamente con queste tecniche, senza cercare di indovinarlo.

Costano poco e rendono molto, secondo il nostro motto “sparagna e cumparisci”, i piccoli oggetti d’arredo. Candele anti-insetto o profumate, lanterne appese, decorazioni floreali, coperte, centrotavola di frutta, tovaglie dai toni freschi, cuscini.

E poi ci sono le piante, grandi protagoniste dello spazio esterno. Appendi i vasi verticalmente, per creare una decorazione su un muro troppo noioso.

L’effetto contrasto che danno le fioriere rustiche è davvero piacevole e sinonimo di una vera attenzione al dettaglio.. Ai tuoi ospiti potrebbero piacere queste un po’ vintage, o dei vasi dai colori sgargianti?

arredare-con-poco-1

Oppure puoi sbizzarrirti usando un annaffiatoio in latta, un baule, un cestino, ecc.

Spazio uguale attività umane

Questa è una massima che ogni architetto può confermare: gli spazi sono fatti per essere abitati. Questo vuol dire che devono essere funzionali.

Ma cosa potrebbero voler fare i tuoi ospiti in giardino? Proviamo a far mente locale.

Sono in vacanza, il giardino è un posto perfetto per leggere. Tu hai un’amaca? Se non hai due alberi adatti per appenderla puoi sempre comprare quella con il piedistallo. È apprezzatissima.

Per chi invece ha un temperamento più attivo puoi fornire dei giochi. Anche gli adulti non resistono a una palla, un mazzo di carte, il Monopoli, un biliardino.

Un certo languorino, quando il sole è basso e stare all’aperto diventa ancora più piacevole hai bisogno di un barbeque per i tuoi ospiti. Magari consigliandogli qualche ricetta, aiutandoli a prepararlo, e fornendogli il contatto di un macellaio di fiducia.

E mentre la carne arde cosa c’è di meglio di un cocktail rinfrescante? Per questo puoi costruire tu stesso un angolo bar fatto di mattoni messi uno sull’altro. Davvero low-cost!

Per ultimo, ci hai mai pensato ad offrire una cena romantica nel tuo giardino, con un menù particolare e un’ambientazione studiata a pennello? Può diventare motivo di ottime recensioni e un gran passaparola!

cena-green

Green è bello (e conveniente)

Soprattutto se parti ora con la ristrutturazione o il rinnovamento dei tuoi spazi esterni, il mio sentitissimo consiglio è quello di andare sul sostenibile.

Non solo perché è un piacere che fai all’ambiente. Avere una struttura sostenibile ne aumenta il valore. E non è necessariamente più caro da realizzare, se pianifichi bene la questione.

Le luci sceglile LED oppure con i sensori. Hai presente i faretti per il giardino che si accendono solo quando passa qualcuno?

E poi la raccolta differenziata, che puoi mettere in giardino evidenziandola invece che nasconderla. È motivo di vanto per te e puoi tradurre le istruzioni in diverse lingue per rendere la cosa più giocosa e agevole per gli ospiti stranieri (che sono comunque molto più bravi di noi in queste cose).

Se possibile niente prodotti chimici o dannosi per la salute per la guerra alle zanzare. Ci sono molte alternative verdi che funzionano abbastanza bene. Certo è che un ospite punto da una zanzare nel tuo giardino è sicuramente un ospite scocciato.

Costruisci la tua piscina

Sono impazzita? Nossignore. La piscina è un’aggiunta niente male in una struttura turistica e da grande lustro al tuo giardino. Perché non fartela da solo?

Tutto si può fare, basta studiare e prepararsi. E semmai chiedere aiuto a chi ne sa più di te.

Ho trovato questo sito che ti illustra passo passo come costruire la tua piscina.

Ti dico solo che negli esempi ho trovato le storie di tante donne e uomini “normali” che si sono cimentati nell’opera senza grandi problemi.

Ci sono foto, documenti con le misure, consigli. Insomma la Bibbia per chi vuole una piscina low-cost.

In soldoni come si fa?

  • Prima scegli la zona, soleggiata, con un terreno compatto e pochi alberi intorno.
  • Poi scavi un buco più grande della vasca di circa 30-50 cm per lato e circa 10 cm più profondo, soprattutto al centro per le tubazioni di scarico e di drenaggio dell’acqua piovana.
  • Ricopri il fondo con la sabbia e poi con uno strato livellato di cemento.
  • Posizioni i pannelli che formano la vasca e i contrafforti in cemento lungo il perimetro esterno.
  • Interri la vasca con il terreno prelevato durante gli scavi.
  • Infine procedi con il rivestimento in PVC anti-ultravioletti e crei il bordo piscina con piastrelle o altri materiali.

Da sapere: per costruire la piscina ci vuole un permesso. Rivolgiti subito al Comune o ad un professionista perché temo che la burocrazia sarà più lunga della costruzione della piscina stessa!

A seconda della situazione ti servirà l’Autorizzazione Edilizia, la Denuncia di Inizio Attività, o un Permesso di Costruire.

Costruita la tua piscina potresti dover considerare la tua abitazione come alloggio di lusso, e pagare più tasse (IRPEF e ICI). Questo se la piscina supera 80 mq e ha una serie di altre caratteristiche. Insomma non è affatto detto che tu debba pagare di più. Adesso non ti resta che dare una ritoccata ai tuoi spazi esterni, perchè siano pronti per la “prova costume”.

Tu come hai organizzato il tuo giardino o la tua terrazza? Hai chiamato un professionista o sei in grado di fare dei piccoli ritocchi fai-da-te?

Alia Nastari

Come mi dovete immaginare mentre leggete i miei post? Ho più di 25 anni e meno di 30. Sono una Digital Marketer cosmopolita: ho vissuto in 7 paesi per studiare, per lavoro, per amore. E sono una inguaribile entusiasta. Mi piacciono le storie di persone che dedicano il loro tempo alla qualità, al cambiamento, a ciò che le appassiona. Spero saremo io e voi quelle persone!

1 Commento

Scrivi un commento