I filtri che rallentano le prenotazioni: eccone due!

vivere_di_turismo_danilo_beltrante

Premetto che molti che mi leggono sanno già queste cose che sto per dire: evidentemente questo post rafforzerà ancora di più le vostre convinzioni, oppure passate al prossimo. 🙂

Per chi le sa, ma non le mette in pratica correttamente, in maniera sistematica, allora spero che sia di incoraggiamento. Una volta sistemati questi due aspetti, ci si può concentrare su altro.

Per tutti gli altri che hanno ancora dubbi a riguardo… buona lettura!

Il mercato turistico si muove velocemente.

Il mercato degli appartamenti affittati ad uso turistico e del settore extra alberghiero è un mercato pressoché nuovo. Fino a poco tempo fa (ma anche oggi) difficilmente avreste trovato qualcuno disposto a darvi dei consigli, non perché i colleghi del settore siano particolarmente antipatici, ma semplicemente perché essendo un mercato nuovo, la maggior parte procede ancora a tentativi.

Internet ha rivoluzionato e rivoluziona continuamente le regole del gioco, per cui le cose che sto per dirvi adesso, in alcune località magari saranno superate, mentre in altre non se ne sente neanche il bisogno.

L’esperienza che ho accumulato sul campo, in un mercato competitivo come quello di Firenze, mi permette di poterti dare piccoli suggerimenti, che però possono migliorare notevolmente la tua attività, il servizio e il guadagno a fine anno.

Chi sta avviando un’attività extra alberghiera oggi si può ritenere fortunato, può infatti evitare gli errori già commessi da qualcun altro… per esempio da me!

Bisogna sempre stare al passo con i tempi, a volte le abitudini e le richieste dei clienti possono cambiare rapidamente e dobbiamo essere sempre pronti a rispondere e ad assecondare le tendenze, con l’obiettivo di ottenere un rating on-line (recensioni, punteggio, valutazione nostra sul web).

Wi-Fi

Fornire un appartamento di Wi-fi è semplicissimo (o almeno dovrebbe esserlo…. ma visto che siamo in Italia non ne sono sempre sicuro), inoltre è un valido ed importante strumento di marketing, il Wi-fi deve essere gratuito! Assicuratevi sempre che il vostro Wi-fi sia efficiente e che raggiunga tutti gli angoli dell’appartamento. Un extender (un ripetitore della linea Wi-fi) se per esempio le pareti dell’appartamento sono spesse, costa solo 30 €, niente scuse dunque!

wifi-filtro-che-rallenta

Non pensateci nemmeno! Non pensateci minimamente a far pagare un prezzo extra per il Wi-fi. La percezione a livello internazionale che si ha di Internet è di un mezzo di libero, free, sempre a disposizione, se lo facciamo pagare arriva un messaggio diverso dall’immaginario comune e i nostri ospiti rimarranno decisamente delusi e ci regaleranno delle recensioni negative.

Ma questo wifi è davvero così importante?

Siiii!!!! Qui non si parla di opinioni, ma di fatti. È un fatto che il 100% o quasi delle prenotazioni arrivano dal web e se vogliamo lavorare… a internet bisogna rivolgerci. E se i nostri clienti hanno prenotato da internet, sarà o no importante questo strumento per loro?!

Una chicca: avere un Wi-fi potente che raggiunge tutte le stanze vi permetterà di risparmiare tantissimo sulla TV via cavo. Se abbiamo una linea Internet potente, con un unico costo possiamo offrire un doppio servizio perché tramite Internet è possibile vedere gran parte dei programmi televisivi.
Altro che Sky! Ai turisti è sufficiente internet.

Pulizie a fine soggiorno

In Italia, specie nelle località di mare, vengono spesso richieste al cliente le spese per le pulizie al termine del soggiorno.
In genere vi diranno di non aver letto su internet questa informazione o che non è fair (giusta).

Quando nel 2010 chiedevo ai miei ospiti a Firenze le “pulizie finali” avevo zero lamentele, tutti pagavano tranquillamente i loro 50 €. Con il passare del tempo, in soli quattro anni, la percezione di questo costo, tollerato per decenni, è cambiata tantissimo. Ad un tratto le lamentele sono cominciate ad arrivare insieme alle recensioni negative, così ho deciso di includere il costo delle pulizie finali all’interno del prezzo dell’appartamento. Questo vuol dire che il soggiorno costerà al cliente qualche euro in più, ma per lui è preferibile pagare questi soldi in più e non avere sorprese alla fine.

pulizie-soggiorno

A livello internazionale il costo delle “pulizie finali” è sempre meno tollerato. Su dieci clienti a cui viene chiesto questo costo (che può andare dai 40 ai 100 €), cinque si lamentano.

Questo accade anche perché i nostri clienti sono sempre più abituati ad avere un pacchetto completo di tutti i costi quando prenotano on-line e sostengono la spesa del viaggio tenendo conto del proprio budget.

Aumentate dunque il costo del soggiorno un pochino, il cliente preferirà pagare questi soldi in più prima e non avere sorprese alla fine.

Di quanto devo aumentare il prezzo?
Non esiste una regola rigida. Va visto di caso in caso. In generale posso identificare due situazioni:

  1. Ho una buona occupazione: In questo caso aumentate il prezzo dividendo il costo delle pulizie finali per il soggiorno medio. Se i vostri clienti si fermano in media 5 giorni da voi e il costo delle pulizie è 50 €, allora aumentate di 10 € giornalieri. Io ho usato questo criterio ed ha funzionato alla grande!!!
  2. Ho una scarsa occupazione: Eliminando il costo delle pulizie finali e pubblicizzandolo bene, probabilmente eliminerete uno di quegli aspetti che nel Web Marketing si definisce filtro, cioè barriera alla prenotazione. In altre parole, qualcuno che prima voleva prenotare e non lo ha fatto, frenato dal costo delle “pulizie Finali”, una volta eliminato, sceglierà voi!

Mentre scrivo questo post, mi è venuto in mente che ci sono davvero tante cose che facciamo con assoluta noncuranza, ma che di fatto rallentano invece di facilitare le prenotazioni. A volte perseveriamo con convenzioni inutili che invece di proteggerci o essere reali, ci danneggiano e basta.

Sto immaginando un post ad hoc….
Ad Maiora!