Il Blog di Vivere di Turismo
fare-la-differenza

03 nov Come fare la differenza di fronte alla concorrenza

Il turismo extra-alberghiero si è sviluppato tanto negli ultimi cinque anni ed è ancora in crescita esponenziale.

Quando lavoravo in agenzia immobiliare, eravamo contattati tutti i giorni da privati che volevano mettersi a conto proprio e intraprendere questa strada.

Ma come fare realmente la differenza in un mondo dove la concorrenza è cosi numerosa?

Bastano pochi elementi per fare la differenza e rimanere impressi nella mente dei futuri clienti!

1) Studia la concorrenza

La prima cosa da fare è ovviamente studiare i tuoi competitors! Puoi farlo in due modi.

Il primo è guardare la loro offerta su Internet, navigare sul sito e sui portali di prenotazione on-line. Ti permetterà di capire cosa offrono, come si strutturano.

I tuoi competitors hanno lo stesso target di clientela per cui, sicuramente offriranno dei servizi che non hai e che potresti anche includere.

Il secondo modo per studiare la concorrenza è di parlare con i tuoi clienti.

Se un cliente ti ha scelto, avrà sicuramente soggiornato in altre strutture molto simili.

In effetti, abbiamo tutti tendenza a scegliere delle cose molto simili, che troviamo adeguate ai nostri gusti. È lo stesso quando soggiorniamo in strutture ricettive.

Un cliente che ama i B&B, perché gli danno un comfort particolare, una sensazione di ricevere coccole in un ambiente caloroso e conviviale, andrà molto spesso nei B&B. Sarà difficile che scelga un albergo o un ostello, le cui caratteristiche sono molto diverse.

Parla con lui, chiedigli la sua opinione, le sue esperienze passate. Sarà felice di poter condividere con te suggerimenti e consigli facendo il confronto con altre strutture simili in cui avrà soggiornato.

Raccontandoti le sue emozioni e sensazioni, da gestore, puoi anche intuire tanti indizi su come migliorare la tua offerta e fare la differenza.

fare-differenza

2) Trova la cosa in più

La cosa in più ti garantisce l’effetto WOW.

Ovviamente, diamo per scontato che tu abbia già un’accoglienza e un servizio di pulizia al top. Se non fosse il caso, se non sono le tue fondamenta, sei fuori gioco a prescindere!

A questi elementi fondamentali, aggiungi un pensiero all’arrivo, una sorpresa, un tour organizzato ad hoc.

Può essere un magnet della tua città, un libro culinare in lingue originale, una visita guidata a sorpresa.

A Matera, per esempio, fanno i tour della città in ape, una sorpresa che rimane impressa nella mente del cliente!

3) Cura la tua comunicazione

La comunicazione deve essere curata nei minimi dettagli.

Quest’attenzione deve essere decuplata prima della prenotazione. Fai delle offerte ad hoc, proponi un soggiorno originale che il cliente può trovare solo nella tua struttura ricettiva.

Il cliente deve avere la percezione che sei speciale ed originale. Puoi farlo intuire attraverso le offerte, le promozioni, una comunicazione energica e colorata!

Non dimenticare di non trascurare i dettagli, sono la base di tutto. Le piccole cose rimangono impresse nella mente delle persone. Solo cosi potrai fare la differenza e ottenere maggiori clienti!

Gwendoline Brieux

Appassionata di scrittura e di lingue, nata in Francia. La sua curiosità e il suo amore per le culture straniere l’hanno portata a vivere in Inghilterra per due anni e in Italia da ormai quattro anni. Laureata in storia e letteratura italiana, si avvicina al turismo grazie ad un’esperienza pluriennale in un’agenzia immobiliare specializzata nelle locazioni turistiche a breve, medio e lungo termine. Dopo anni di check-in, check-out e gestione dei clienti, ha deciso di lanciarsi in freelance nelle sue due passioni: la scrittura e il turismo.

2 Commenti
  • Luciano
    Scritto alle 11:34 del 03 novembre 2015 Rispondi

    Grazie per questo bellissimo ed utilissimo articolo!

    Il primo punto, studiare i miei competitor è quello che mi ha permesso di capire cosa “manca” nell’offerta della mia città. Una cosa che dimentico spesso di fare è chiedere le esperienze e i desideri dei clienti.

    Grazie Gwendoline per lo spunto. Ne farò pratica e tesoro per aumentare anche le valutazioni dei clienti! :)

    • Gwendoline Brieux
      Scritto alle 11:43 del 03 novembre 2015 Rispondi

      Grazie Luciano per il tuo bellissimo commento! :)

Scrivi un commento